Terapia di coppia

Terapia di coppia Conegliano
11 Ott

Stare in coppia vuol dire trovare un modo personale per stare insieme ad un’altra persona.

Esistono diversi modi peculiari di stare insieme. Ciascuno di noi può scegliere un partner dello stesso sesso, oppure di sesso diverso dal proprio. Lo scopo del rapporto di coppia non è quello di attuare regole o impersonare ruoli fissi e prestabiliti (il modello dei genitori, di coppie vicine a noi, l’influenza dei codici culturali e morali, dei media), né tanto meno quello di seguire imposizioni del passato. Lo scopo è quello di essere felici insieme, di esprimere amore e di creare ogni giorno la propria relazione.

Non sembra essere così semplice. In Italia la durata media del matrimonio è di 12 anni al momento della separazione, di 16 anni all’atto del divorzio. Nelle favole i personaggi della coppia si incontrano, il Principe bacia la Principessa, si sposano e vivono felici e contenti. Nella vita non accade proprio così. Il benessere della coppia è autoreferenziale e autosomministrato, quindi ogni coppia decide come scambiare amore, attenzione,… e nessuno può giudicare giusto o sbagliato quel modo, a patto di non nuocere a terzi (ad es. i figli). Appare però chiaro che ciò che accomuna la maggior parte delle persone sia la ricerca all’interno della coppia di risposte basiche quali affetto e stima, ossia il riconoscimento.

Due persone formano una coppia se sono unite da un legame, hanno un contatto fisico e hanno un progetto orientato verso il futuro. Il primo aspetto riguarda il cuore, l’affettività, i sentimenti (da quelli forti dell’innamoramento a quelli meno focosi dell’amore maturo). Il secondo è di passare del tempo assieme; la sessualità è certamente una parte importante delle attività di coppia, che può non essere presente in una fase della storia di coppia, ma che perlomeno deve essere stata presente in precedenza. Il terzo riguarda la sfera cognitiva, i pensieri, la razionalità.
Una coppia che funziona è consapevole che c’è rispetto reciproco, che è possibile confrontarsi in visioni diverse, decidere in modo libero, gestire la propria autonomia e sentirsi alla pari. E’ molto importante, all’interno della coppia, mantenere delle aree di autonomia come la gestione del tempo libero, della propria rete amicale, dei propri interessi.

Questo arricchisce la persona ma anche la coppia, portando nuovi stimoli da condividere.
Il rapporto di coppia, lo ripetiamo, si fonda sulla ricerca della felicità insieme, non sul potere e sulla ragione. È importante stabilire una comunicazione con il proprio partner non finalizzata a controllarlo o a fargli cambiare idea secondo un proprio principio di ciò che è giusto o sbagliato. L’accettazione dell’unicità del partner è fondamentale. E l’equilibrio di ciascuna coppia è dato da molteplici fattori. E’ importante che, nel momento in cui alcuni comportamenti di coppia non vanno più bene a uno dei due partner, si abbia il coraggio di discuterne. Accettare comportamenti per “abitudine”, può creare distanza e dolore. Molto spesso infatti le aspettative verso il proprio partner vengono deluse perché non si ha la consapevolezza che uomini e donne sono diversi e hanno modalità diverse di comunicazione. I problemi nascono quando si vuole imporre la propria diversità all’altro.
Un primo importante passo consiste nel prendere coscienza di questa diversità.

La crisi spesso si può presentare perché il contratto non viene rispettato. Il non condividere lo stesso obiettivo(avere figli), oppure la presenza di una terza persona, oppure il tempo dedicato alla famiglia d’origine, al lavoro. ma non solo. Un evento drammatico che blocca la progettualità della coppia.
La Terapia cognitivo-comportamentale nasce come intervento a breve termine,​ come processo attivo e direttivo di educazione della coppia su specifici aspetti che possono contribuire alla disfunzione relazionale. Il terapeuta affiancherà la coppia nel proprio processo di cambiamento. Come primo passo, il terapeuta costruirà un rapporto positivo con i membri della coppia e “imparerà la loro danza” attraverso un colloquio congiunto, a cui seguiranno uno o due colloqui individuali per comprendere la storia della coppia e della famiglia.

Il terapeuta valuterà gli aspetti:
– cognitivi (ad esempio le percezioni, le aspettative della coppia);
– comportamentali (ad esempio le capacità comunicative, il modo di interagire passato, i punti di forza e le debolezze della coppia); 
– emotivi (ad esempio le emozioni positive e quelle negative, come rabbia, depressione, ansia, gelosia) emersi da questa prima fase di analisi.

Quindi:

– identificherà gli schemi o le credenze dei partner rispetto alle relazioni in generale;
– individuerà i pensieri dominanti sulla loro relazione;
– chiarirà il modo in cui tutto ciò influenza i loro comportamenti e le loro emozioni.
Elaborerà infine una proposta di trattamento e si potrà a questo punto iniziare il percorso terapeutico, solo però se la coppia sarà convinta dell’utilità del trattamento per la risoluzione dei propri problemi.

La terapia di coppia può essere utile anche nel caso di separazione, in quanto può evitare rotture traumatiche e con pesanti strascichi. Se la coppia ha dei figli, questo è uno spazio molto importante che permette:

1) di gestire le emozioni negative, che a volte portano a impulsività, conflitti, desiderio di vendetta;
2) di non manipolare (inconsapevolmente) i figli né portarli a schierarsi dalla parte di un genitore. Dobbiamo ricordare che i bambini, anche molto piccoli, si rendono conto del clima emotivo familiare e di come stanno i genitori, e spesso si chiedono se la separazione dei genitori sia colpa loro. E’ quindi fondamentale parlare ai bambini della separazione, in termini per loro comprensibili, senza attribuire colpe, ma facendo vedere che i genitori sanno gestire la situazione e restano comunque presenti e disponibili per i figli, anche se non sono più una coppia.

Veronica Gobbetto

8 motivi per iniziare un corso di yoga

Body Rieducational e Sinergy MED 2.0 corso yoga
01 Ott

Lo yoga è una disciplina antica di origine indiana nata con lo scopo di migliorare la vita dei praticanti sia a livello fisico che, soprattutto, spirituale e mentale. È una disciplina adatta a tutti, senza distinzioni di forma fisica ed età.

Ma perché praticare lo yoga?

  1. É un’ottima attività fisica

Non nasce come attività fisica ma, di fatto, lo yoga è anche un’attività fisica che permette a tutti, senza esclusione, di mettere in moto il proprio corpo e di lavorare su tutte o solo su alcune parti di esso.

  1. Aiuta ad utilizzare il respiro nel migliore dei modi

Lo yoga ti permette di imparare a respirare in una maniera diversa, più profonda e meno impulsiva. Imparare a respirare meglio significa far entrare maggior aria nel nostro corpo e, soprattutto, rilassarsi di più e più a lungo.

  1. Aiuta a dormire meglio

L’attività fisica in genere aiuta a dormire meglio ma lo yoga è l’attività che più aiuta in questo senso, perché mette in movimento tutti i muscoli del nostro corpo in una maniera che a noi sembra passiva ma che in realtà è solo più dolce.

  1. É ideale per la postura

Tra esercizi di allungamento, respirazione e stretching la postura, grazie allo yoga migliora e, con essa, anche la schiena. Soprattutto se trascorri la maggior parte del tempo seduto o se hai una vita sedentaria.

  1. Aumenta la concentrazione e la resistenza psicologica

Fare yoga è un esercizio di concentrazione sia perché devi ricordarti continuamente delle posizioni sia perché, se ti distrai, perdi la connessione tra corpo e mente necessaria per portare a termine le sequenze. Facendo ciò, la pratica ti mette continuamente in discussione e aumenta la tua capacità di concentrarti e pensare solo a ciò che stai facendo nel momento in cui lo stai facendo. Il risultato? Una più alta capacità di concentrazione anche nella vita quotidiana e la possibilità di restare focalizzato sul momento che vivi e sull’attività che stai facendo nel momento in cui la stai facendo.

  1. Fa bene al cuore e rallenta l’invecchiamento

Lo yoga è considerato un’ottima disciplina per tutti i muscoli, anche per il cuore. Infatti, abbassa la pressione sanguigna e rallenta i battiti. Secondo alcuni studi, praticare yoga avrebbe effetti antiossidanti e, quindi, aiuterebbe a combattere l’invecchiamento.

  1. Elimina lo stress e rafforza il sistema immunitario

Dalla respirazione alla capacità di concentrazione, lo yoga aiuta anche a rilassarsi, ritrovare la calma e allontanare lo stress quotidiano per ritrovare la serenità interiore. Praticare questa disciplina stimola il sistema nervoso e riduce la stanchezza, l’ipertensione e ha effetti positivi anche sui dolori da ciclo, insonnia e crisi d’ansia.

  1. Un aiuto in gravidanza

Durante i nove mesi di gestazione fare yoga può essere fondamentale. Maggior concentrazione, corretta respirazione e percezione del proprio corpo ottenuti con l’esercizio, permettono di controllare e ridurre anche i dolori del parto. Tuttavia, si tratta sempre di esercizio fisico, quindi, prima di praticarlo, chiedete consiglio al vostro medico.

Non ti sei ancora iscritto?

A settembre sono iniziati i corsi di yoga al Body RiEducational, tenuti da Lovisotto Paola dell’ASD TULSI.

Orari:
– Martedì 20.10
– Giovedì 07.10

Per iscrizioni:
Tel 0438 32271
Email bodyrieducational@sinergymed.it
oppure cliccate qui

Come soccorrere i bambini

Come soccorrere i bambini
21 Set

Corso di primo soccorso pediatrico di 8 ore

Il corso “Come soccorrere i bambini” si terrà sabato 13 ottobre dalle 14 alle 18 e domenica 14 ottobre dalle 9 alle 13.
Il corso è rivolto a genitori, nonni, educatori, baby-sitter e a tutti coloro che sono a contatto con i bambini, per imparare a far fronte agli incidenti che possono coinvolgere i più piccoli (contusioni, ferite, scottature,…) ed alle situazioni che richiedono un intervento in emergenza (disostruzione delle vie aeree, rianimazione cardiopolmonare).

Ringraziamo Alessandro Chies, Coordinatore SUEM 118 Treviso Emergenza per questa preziosa opportunità.

I posti sono limitati, la prenotazione è obbligatoria.

Per informazioni  e prenotazioni, contattateci

Seguici su Facebook

come soccorrere i bambini conegliano
come soccorrere i bambini corso Sinergymed

Mal di schiena: istruzioni per l’uso

21 Set

Lunedì 24 settembre il Dott. Stefano Martini, fisioterapista specializzato in terapia manuale (metodo Maitland) e fisioterapia sportiva, socio A.I.FI, terrà una serata dedicata al mal di schiena presso il centro Officina e Salute di Vittorio Veneto.

Durante la serata verranno trattati i temi legati alla schiena e alla postura e verranno sfatati alcuni miti!

Parleremo di ernie, cercheremo di capire se si tratta di un mito o di una realtà, capiremo se con le risonanze e i raggi si riesce sempre a capire la natura del dolore alla schiena.
Affronteremo, inoltre, il tema della prevenzione e cura del mal di schiena con particolare attenzione alla corretta posture e alle buone abitudini da avere durante la giornata.

Quando e dove:

Dalle 20.30 alle 22.00
Presso Officina della Salute, Largo Felice Cavallotti 10 Vittorio Veneto

Ingresso Libero

Per partecipare alla serata:

Officina della Salute: 0438 207171 / info@officinadellasalute.net
SinergyMed: 0438 32271 / info@sinergymed.it

Ricominciano i corsi

riprendono i corsi pancafit al body rieducational
30 Ago

L’estate sta finendo e… ricominciano i corsi presso il Body RiEducational e SinergyMED 2.0

Dopo la pausa estiva siamo pronti a ripartire con il calendario dei corsi:

Pancafit (a partire da lunedì 10/09/2018)
– Lunedì 12.45
– Martedì 10.10
– Giovedì 12.45

Pilates ( a partire da lunedì 10/09/2018)
– Lunedì 18.30 e 19.25
– Mercoledì 10.15 e 11.10 oppure 18.30 e 19.25
– Venerdì 10.15 e 11.10

Pilates Sport ( a partire da martedì 11/09/2018)
– Martedì 06.15
– Mercoledì 20.20
– Venerdì 06.15

Evergreen ( a partire da martedì 11/09/2018)
– Martedì 09.15
– Venerdì 09.15

Hatha Yoga ( a partire da martedì 11/09/2018)
– Martedì 20.10
– Giovedì 07.10

Allenamento funzionale ( a partire da mercoledì 12/09/2018)
– Mercoledì 12.45
– Giovedì 20.30
– Venerdì 12.45

Per la Rieducazione motoria la palestra è disponibile:
– Lunedì dalle 07.30 alle 12.30 e dalle 15.00 alle 18.00
– Martedì dalle 07.15 alle 9.00 e dalle 14.30 alle 20.00
– Mercoledì dalle 7.30 alle 10.00 e dalle 14.30 alle 18.00
– Giovedì dalle 8.30 alle 12.30 e dalle 15.30 alle 20.25
– Venerdì dalle 07.15 alle 09.00 e dalle 14.30 alle 18.00

Corso P&P in gravidanza – Preparto&Perineale ( a partire da lunedì 24/09/2018)
– Lunedì 20.20

Ginnastica Perineale ( a partire da sabato 20/10/2018)
– Sabato 09.00

Per informazioni e per iscriversi ai corsi contattateci:

Tel 0438 32271
Email bodyrieducational@sinergymed.it
oppure cliccate qui

Percorso di accompagnamento alla nascita

Percorso di accompagnamento alla nascita Ostetrica Ilaria Donadon
27 Ago

Inizia un nuovo corso di accompagnamento alla nascita per mamme e papà!

SinergyMED 2.0 e Body RiEducational organizzano un percorso di 8 incontri per accompagnare i futuri genitori durante la gravidanza, la nascita e nel periodo dopo il parto.
Gli incontri si terranno a partire da venerdì 21 settembre dalle ore 18.30 alle 20.30.

Il percorso di accompagnamento alla nascita è rivolto alle coppie per affrontare temi legati alla gravidanza, al parto e all’accoglienza del bambino. È un’occasione per ricevere informazioni aggiornate, per condividere la propria esperienza con altre coppie e per chiarire dubbi e incertezze.

Alcuni argomenti che verranno trattati:

  • il mondo sensoriale del bambino durante la gravidanza;
  • bacino e perineo, come prepararsi al parto;
  • alimentazione;
  • travaglio e parto;
  • rapporto di coppia;
  • allattamento.

I posti sono limitati.

Conduce gli incontri Ilaria Donadon (ostetrica) con la collaborazione di: Eva Da Ros (dietista), Carla De Conti (fisioterapista) e Veronica Gobbetto (psicoterapeuta).

Per prenotare contattateci

Accompagnamento alla nascita: le opinioni dei futuri genitori

Percorso di accompagnamento alla nascita Ostetrica Ilaria Donadon
12 Lug

Si è concluso anche l’ultimo percorso di accompagnamento alla nascita e come ogni volta abbiamo raccolto le opinione dei futuri genitori:

Perché consiglieresti questi incontri?

– ‘ I dubbi e le perplessità possono essere dissolti anche attraverso le esperienze del gruppo. Il clima è amichevole e confortevole’.
– ‘Mi hanno trasmesso grande serenità e fiducia’.
– ‘E’ un punto d’incontro accogliente tra futuri genitori che possono chiarire dubbi ricevendo informazioni utili e aggiornate’.
– ‘Si riescono ad avere informazioni a 360°, ci si sente liberi di chiedere e chiarire i mille dubbi e, soprattutto, ci si sente rassicurati e con dei grandi appoggi dopo il parto’.
(Commenti tratti dai questionari di valutazione consegnati al termine di ogni corso)

Corso preparo sinergymed

Ringraziamo tutti i genitori che, negli anni, hanno partecipato agli incontri per i preziosi momenti condivisi.
Auguriamo a voi e ai vostri cuccioli una buonissima estate.

A settembre riprenderemo con un nuovo percorso, sono aperte le iscrizioni.
Per informazioni:
347 2821066, 0438 32271
ilaria-donadon@hotmail.it

Le buone abitudini non vanno in vacanza

dietista conegliano
05 Lug

Sono orgogliosa di voi e sono contenta per voi.

Quando mi dite che quest’anno in vacanza avete colto le occasioni di sport che il campeggio offriva (cosa mai fatta per anni)
Quando in albergo sapete scegliere colazioni ricche e sane (invece che mangiare solo brioche e torte)
Quando non vi giustificate un gelato ogni giorno perché “siamo al mare, siamo in ferie”, ma sapete optare anche per qualche alternativa, tipo una bella fetta d’anguria
Quando mi dite che è la prima volta che tornate dalle vacanze senza i soliti chili in più.

In questi giorni infatti, tra chi rientra e chi parte, sento spesso la frase che giustifica le frequenti eccezioni alimentari del periodo estivo con il “sa, ero in vacanza”.

Allora, parliamone: durante l’anno ci concediamo lo sgarro perché abbiamo poco tempo per fare la spesa e per organizzare i pasti, perché siamo stanchi della lunga giornata, perché abbiamo l’umore sotto i tacchi, perché non abbiamo fatto colazione e ci è venuta la fame fuori pasto; mentre in vacanza entriamo nella modalità “eh, ma sono in ferie”.

Come scrive il dott. Ongaro in un suo libro “…fino a quando mangiar sano sarà percepito come una condanna, il sovrappeso continuerà ad aumentare”.

Quindi vorrei farvi notare che, proprio durante le vacanze, abbiamo più tempo per organizzare i pasti (che siano a casa o un pic-nic all’aperto), siamo di umore più felice e meno necessità di gratificarci con il cibo. E non solo: abbiamo anche più tempo per muoverci a piedi, organizzare una camminata in montagna, partecipare all’acquagym in spiaggia, e così via.

Mettiamo da parte le scuse: le buone abitudini non vanno in vacanza

Dott.ssa Eva Da Ros

Yoga all’aperto: doppio appuntamento

Yoga all'aperto a conegliano
19 Giu

Viste le grandi richieste abbiamo deciso di inserire un nuovo appuntamento con lo yoga all’aperto:

Quando?
I mercoledì mattina dalle ore 6.15 del mattino
(a partire dal mese di luglio)

I martedì sera alle 20.00
(a partire dal mese di luglio)

Dove?
Ritrovo presso il Body RiEducational

Come partecipare?
Contattaci allo 0438 32271
Oppure tramite mail 

Iniziare e terminare la giornata con una iniezione di calma, pace, fiducia e serenità derivanti dalla pratica dello yoga cambia radicalmente l’approccio alle faccende quotidiane!

Yoga al parco

Yoga all'aperto a conegliano
13 Giu

L’estate, il caldo e la testa già in vacanza non vi aiutano ad affrontare al meglio la giornata?

Niente paura, ci siamo noi: a luglio iniziano gli appuntamenti mattutini con lo yoga all’aperto.
Iniziare la giornata con una iniezione di calma, pace, fiducia e serenità derivanti dalla pratica dello yoga cambia radicalmente l’approccio alle faccende quotidiane e, magari,vi farà andare a lavoro, a scuola o all’università con un sorriso in più.

Quando?
I mercoledì mattina dalle ore 6.15 del mattino
(a partire dal mese di luglio)

Dove?
Ritrovo presso il Body RiEducational

Come partecipare?
Contattaci allo 0438 32271
Oppure tramite mail